BRAIN LONGEVITY

By Giacomo 2 anni ago

I disturbi legati al declino delle funzioni cognitive, varie forme di demenza e perdita di memoria, fino all’insorgere della malattia dell’Alzheimer, rappresentano oggi la maggiore causa di degrado della qualità della vita dopo i 65 anni

Ad oggi, 1 uomo su 11 e 1 donna su 6 si ammalano di Alzheimer

Le terapie e soprattutto buone abitudini di stile di vita legate alle discipline alternative, complementari e integrative (CAIM, Complementary, Alternative and Integrative Medicine), hanno dimostrato ampia efficacia scientifica per prevenire l’Alzheimer e in generale il declino delle funzioni cognitive e della memoria.

La ARPF (Alzheimer’s Research & Prevention Foundation) di Tucson, Arizona da più di 20 anni sta dando un preziosissimo contributo per la prevenzione dell’Alzheimer e dei disturbi della memoria: dal 1993 promuove studi scientifici, informazione e prevenzione.

Alzheimer’s Research & Prevention Foundation

Il risultato: discipline e raccomandazioni per la prevenzione dell’Alzheimer che 20 anni fa erano considerate di nicchia e veramente “alternative”, oggi sono accolte anche da parte della comunità scientifica e medica come “mainstream”.

Unica in Italia, Alessia Tanzi è Brain Longevity Specialist certificata proprio dalla Fondazione per la Ricerca e la Prevenzione dell’Alzheimer di Tucson, Arizona. Dal 2016 tiene il corso “Non perdere la Memoria!” all’Università Primo Levi di Bologna (Università per la terza età).

Alessia Tanzi Training

L’approccio della Alzheimer’s Research & Prevention Foundation è drug-free

Questi i  4 pilastri  della prevenzione secondo la Fondazione:

Alimentazione e Integratori

La salute del nostro cervello dipende in gran parte dai nutrienti del cibo. L’alimentazione Brain Longevity è prevalentemente vegetariana ma comprende anche l’utilizzo di alcuni  integratori che sostengono le funzioni cognitive.

Stress Management

L’ormone dello stress, il cortisolo, danneggia i neuroni e le sinapsi. Inoltre, l’invecchiamento ci rende meno efficienti nella gestione dello stress e dei livelli di cortisolo.

Esercizio fisico e mentale

Definito dalla ARPF “Aerobica per il cervello”, l’esercizio fisico e mentale è fondamentale, perché riduce il rischio di ammalarsi di Alzheimer del 50%. L’esercizio fisico aumenta l’apporto di sangue ai muscoli e ai polmoni, quello mentale incrementa il flusso di sangue (e quindi ossigeno) al cervello.

Spiritual Fitness

Il benessere psico spirituale include la socialità e i rapporti con persone affini, un atteggiamento di pazienza e compassione, oltre che avere obbiettivi e progetti che danno un senso profondo alla propria esistenza.

Contattaci per maggiori informazioni o per prendere un appuntamento

Ho preso visione dell’informativa sul trattamento dei dati personali e acconsento al Trattamento ai sensi dell’art. 23 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”

Dove siamo

Via dell’Indipendenza 56 – 40121 – Bologna

A 10 minuti a piedi dalla Stazione Centrale

Facilmente raggiungibile in auto grazie al Parcheggio VIII Agosto, proprio di fronte

A 5 minuti a piedi dal centro città


this work was shared 0 times
 000